Sul web impazzano idee e menù. Noi vi proponiamo un piatto di “ciccia” – come si dice in Toscana – in perfetto stile (salsa!?) Chianti!


Stracotto al Chianti


Ingredienti
:

un pezzo da sei etti di lucertolo di manzo

80 grammi di rigatino

mezzo chilo di pomodori maturi o pelati

una carota, un gambo di sedano e una cipolla

2 spicchi di aglio

2 rametti di rosmarino e uno di salvia

2 bicchieri di Chianti

brodo di carne

olio extravergine di oliva

sale e pepe


Tempo di preparazione e cottura: 4 ore


Preparazione:

Tagliate la pancetta a bastoncini e rotolatela in sale e pepe. Fate delle incisioni sulla carne, lardellatela con la pancetta e legatela in modo che resti in forma durante la cottura.

In un tegame fate rosolare nell’olio gli odori tagliati e quando appassiscono unite la carne.

Fatela cuocere e colorire da tutte le parti, poi bagnate con vino e fatelo evaporare. Unite anche i pomodori, salate e pepate e coprite con un coperchio a perfetta tenuta. Cuocete piano per oltre tre ore, se necessario versando del brodo man mano che occorre.

Alla fine fate intiepidire, slegate la carne, tagliatela a fette e servitela cosparsa con abbondante salsa che avrete passato al setaccio

 

stracottoa1-1-of-1
Da Our Italian Table

 

Qualche consiglio:

Il vino da usare per innaffiare la carne sarà un Chianti di buona struttura ma giovane. Da evitare le riserve e in genere i vini troppo invecchiati: potreste avere la sgradevole sorpresa di un sapore finale leggermente amarognolo.

Controllate bene durante la cottura che il sugo rimanga abbondante anche perché, come ci ricorda Pellegrino Artusi, con quel che resta dell’intingolo si può condire una pasta, portando in tavola dei bei maccheroni allo stracotto..