Se ci avete seguito in queste settimane, vi sarete resi conto che sono numerose in Europa le manifestazioni relative al settore vinicolo. In questo panorama il Salone Internazionale del Vino e dei Distillati Vinitaly che si svolgerà a Verona dal 7 al 10 di aprile rappresenta un punto di riferimento indiscusso anche a livello mondiale per il settore enologico.

 

Di cosa si tratta

Vinitaly è la manifestazione che più d’ogni altra ha scandito l’evoluzione del sistema vitivinicolo nazionale ed internazionale, contribuendo a fare del vino una delle realtà più coinvolgenti e dinamiche del settore primario. A Vinitaly l’eccellenza della produzione italiana viene diffusa e promossa in tutto il mondo grazie alla presenza di visitatori provenienti da numerosi paesi esteri (156mila visitatori e elegazioni in oltre 60 Paesi) per assistere ad uno degli eventi più qualificati per il settore. A Vinitaly sono presenti oltre 4.000 espositori tra produttori, distributori, importatori, tecnici enologi, opinion leader e ristoratori che desiderano trovare un luogo d’incontro e di confronto così come nuove opportunità di business.

 

Un po’ di storia

L’anno di nascita ufficiale di Vinitaly è il 1967, occasione nella quale il Palazzo della Gran Guardia ospita le Giornate del Vino. Tra la fine degli anni Sessanta e gli inizi degli anni Settanta, da manifestazione convegnistica Vinitaly diventa una vera e propria rassegna mercantile, cui si vanno affiancando nel tempo diverse sezioni merceologiche dedicate all’enologia  e al settore agroalimentare. Alla fine degli anni Settanta la manifestazione ottiene la qualifica di «internazionale» ed apre le porte alla partecipazione di aziende estere. Tale qualifica sarà poi confermata e rilanciata a partire dagli anni Novanta sino ad oggi: Vinitaly “conquista” Stati Uniti, Russia, Cina, Giappone, Corea ed India.

 

Eventi correlati

Vinitaly si svolge in concomitanza con Enolitech, Salone delle tecnologie per la viticoltura, l’enologia e le tecnologie olivicole e olearie; ad esso di affianca Sol&Agrifood, rassegna Internazionale dell’Agroalimentare di qualità che offre una panoramica completa su tutta la filiera del vino, dei distillati, dell’olio e della produzione agroalimentare. A partire dagli anni Novanta si sono affiancati alcuni concorsi come il Concorso Enologico Internazionale (divenuto oggi il più selettivo e partecipato al mondo, con una media di 90 medaglie assegnate su oltre 3.600 vini da circa 30 Paesi) e l’International Packaging Competition, per premiare il miglior abbigliaggio del vino. Nasce infine Vinitaly for You, il dopo-Vinitaly dedicato ai wine lover, che trovano nel Palazzo della Gran Guardia, nel cuore storico di Verona, un ambiente giovane ed accogliente per  degustare i migliori vini.

 

Vinitaly 2013: internazionalizzazione e commercio on-line

L’anno inizia con il rebranding di Vinitaly in the world – il progetto avviato da Veronafiere per promuovere l’eccellenza dei vini italiani nel mondo – che diventa Vinitaly International, ad ulteriore conferma del ruolo della manifestazione, divenuta oggi ambasciatore e partner per lo sviluppo del business nazionale in tutto il mondo. Nell’edizione 2013, infatti, è stata ulteriormente potenziata la presenza dei buyer stranieri, anche grazie ad un accordo con Ice, l’Istituto per il Commercio Estero. Ma l’internazionalizzazione passa anche per altri canali: per aiutare il vino italiano verrà presentata il 6 aprile  VinitalyWineClub, una piattaforma digitale di promozione e vendita on-line, concepita come l’estensione virtuale della fiera fisica; le prime cantine ad aderire al progetto saranno le 100 selezionate dalla rivista  Wine Spectator, protagonista di un evento-degustazione nel Palazzo della Gran Guardia di Verona.