Autunno: ottobre è il mese di Halloween, festività di origine anglosassone ormai radicata anche in casa nostra. Protagonista assoluta è la zucca, che tra maschere e costumi, si trova un po’ dappertutto, non fa eccezione la cucina. Ergo, è tutto un fiorire di consigli su come cucinarla, come presentarla, come usarla negli addobbi e chi più ne ha più ne metta. Ma i veri protagonisti dell’autunno –in cucina, s’intende- sono anche altri: vogliamo spendere due parole sul più pregiato dei tuberi, e cioè il tartufo? (Di cui la Toscana è zona di elezione assieme al Piemonte). Per non parlare dei funghi, altra specialità che la terra in autunno ci regala. E ultime, ma non ultime, le castagne.

Di zucca e funghi ormai siamo esperti, tra ricette tradizionali e creative. Del tartufo non si dirà mai abbastanza che ne esalti appieno pregi e ricercatezza. E le castagne? Come possiamo usare in cucina queste delizie autunnali, dalla vita breve e intensa? Cominciamo con un antipasto: anche qui ritroviamo la zucca, le castagne sono però le vere protagoniste grazie a un tocco piccante. Nella Vellutata di zucca e castagne piccanti pepe, peperoncino, aglio e cipolla aggiungono quel je ne sais quoi in grado di riscaldare le fredde serate che ci attendono.

vellutata castagne

Assolutamente da provare anche Zuppa di Castagne e Noci : vi farà venir voglia di stare rintanati a casa e non uscire di casa mai più.

castagne e noci

E per i dolci? Non possiamo concludere il nostro (breve) giro intorno al mondo della castagna senza suggerire di assaggiare il Castagnaccio. True Tuscany: un sapore forte e deciso, leggermente amarognolo ma certamente indimenticabile per chi non l’avesse ancora provato. Nella ricetta tradizionale solo farina di castagne, noci e uvetta per un dessert che ha il non indifferente vantaggio di essere gluten free. E gli amici celiaci ringraziano.

castagnaccio